In un mondo dove tutti hanno un pretesto per lamentarsi, voi lottate in nome della vita con grinta e senza lamenti.

Genitori eroi

Quando una coppia scopre di aspettare un figlio inizia a provare un susseguirsi di emozioni: si passa dalla gioa, all'euforia, all'esaltazione, fino a urlarlo al mondo.

L'arrivo di un bambino per alcuni rappresenta il coronamento di un sogno, per altri significa famiglia e per altri ancora è espressione dell'amore. Alcuni diventano genitori, altri scelgono di diventarlo.

Ma quando si è genitori si prova a pieno il senso di responsabilità nei confronti di un esserino che delle volte ci sembra indifeso. Ed è in quel momento che ogni genitore promette al proprio piccolo che lo difenderà da tutto e tutti, una promessa che spesso si fà, ma quasi mai si può mantenere. Perché purtroppo la vita presenta degli ostacoli duri e insidiosi da affrontare, ci mette difronte a delle sfide difficili da superare.

I genitori eroi sono tutti i genitori che ogni giorno sono vicini ai propri figli in un letto di ospedale e fanno di tutto per farli sorridere. I genitori eroi sono i genitori che hanno avuto il terrore di perdere i propri bambini, ma non hanno mai smesso di lottare. I genitori eroi sono coloro che si fanno forza tra di loro mentre i propri figli fanno la chemio. I genitori eroi sono anche quei genitori che non permettono a estranei di decidere per il futuro dei propri figli. I genitori eroi sono coloro che credono nei propri bambini e gli danno fiducia. I genitori eroi sono tutti coloro che amano i propri bimbi cosi come sono.

Sapete perché siete degli eroi? Perché ogni giorno non smettete di lottare con loro e per loro. Siete eroi, perché nei momenti difficili prendete la mano dei vostri piccoli e con il terrore negli occhi, continuate a dirgli andrà tutto bene. Siete degli eroi, perché vi mettete in discussione ogni giorno e prima di puntare il dito su vostro figlio lo puntate su di voi. Siete degli eroi, perché anche se non potrete proteggere i vostri bambini dal mondo, voi affrontate il mondo con loro.

Siete degli eroi, perché quando intorno sembra tutto grigio voi iniziate a diffondere colore. Siete degli eroi, perché anche dal dolore riuscite ad emergere. Siete eroi perché gioite delle dimissioni di un altro bimbo, anche se non è vostro figlio. Siete eroi, perché cercate di far vivere ai vostri bambini tutto quello che gli succede con serenità. E soprattutto siete degli eroi, perché nonostante la stanchezza, la paura, l'angoscia, la rabbia continuate a dire :" se non si lamenta lui, perché dovrei farlo io? In fin dei conti io ho ancora tutti i capelli e non devo fare la chemio".

Siete eroi, perché anche se il vostro cuore è straziato dal dolore avete sempre una parola di conforto per qualcun altro. Siete eroi, perché affrontate una guerra con le armi dell'amore. Siete eroi, perché alle polemiche preferite cercare le soluzione. Conoscete il dolore ma diffondete il coraggio. Vi affidate e vi fidate dell'equipe medica.

Siete eroi, perché quando i vostri piccoli si rifiutano di stare chiusi in ospedale per giorni e poi per mesi voi cercate di convincerli con dolcezza e con l'aiuto di qualche ovetto kinder. Siete eroi, perché quando perdete le staffe siete i primi a chiedere scusa, eh no al dottore o all'infermiera ma ai vostri bambini. Siete eroi, perché non dimenticate mai che prima di tutto i vostri figli sono bambini che vivono tutto quello che neanche un adulto è in grado di vivere. Siete eroi perché avete insegnato ai vostri piccoli a lottare, chiudere gli occhi e pensare a qualcosa di bello, perché c'è sempre qualcosa di bello alla quale poter pensare.

Io concludo con le parole di un bimbo: " Non guardarmi cosi! Non sentirti in colpa per come stó, sono solo un po' affaticato. Tu non puoi togliermi il tumore, ma puoi ancora trattarmi come un bambino. Che ne dici ti va adesso di raccontarmi una storia?".

E tu caro ometto appartieni a tutti i bambini eroi che spesso devono ricordare ai grandi come si guarda il mondo. 

Dr.ssa Antonella Manfredi