Gli adolescenti hanno bisogno di confronto e no di scontro.

Adolescenti

L'adolescenza è un periodo molto delicato, complesso e articolato sia per la vita di un ragazz@ che per la sua famiglia. 

Il cambiamento non è solo fisico ma soprattutto d'identità, iniziano i primi conflitti, le prime opposizioni e i vari contrasti. 

Gli scontri con i genitori sono sempre più frequenti, nascono discussione per le regole e l'accettazione dei ruoli. 

La relazione si inclina, i malumori aumentano di pari passo con le incomprensioni. Mantenere una coerenza educativa con gli adolescenti è molto complicato. 

La cosa importante è la trasmissione dei valori anche durante un momento di opposizione. Non serve diventare duri, rigidi e intransigenti, ricordate che i ragazzi hanno bisogno di guide educative consapevoli e coese.

Il progetto educativo tra i genitori dev'essere condiviso, non dimentecate mai di essere comprensivi con i vostri figli. 

Dovete iniziare a guardarli con occhi diversi, perché non sono più i vostri bambini ma degli adulti in formazione. Quindi, come tali vanno trattati. 

La cosa essenziale è costruire un rapporto educativo basato sul dialogo e l'ascolto. 

I vostri ragazzi hanno bisogno di confrontarsi con gli adulti in modo costruttivo e maturo. L'opposizione e la provocazione non permettono una relazione sana. 

La rigidità e l'opposizione come l'eccesivo permissivismo non sono sinonimo di un buon lavoro educativo. 

Ed è per questo che in ambito educativo è importante l'intervento e il supporto di un professionista pedagogico. 

Il nostro impegno è quello di supportare e affiancare i genitori nel loro ruolo; motivare e stimolare i ragazzi in ambito didattico. 

È importante confrontarsi con un professionista per comprendere al meglio la situazione, individuare eventuali errori e porvi rimedio attraverso una progettazione pedagogica concreta. 

Dr. ssa Antonella Manfredi