#iorestoacasa. Restare a casa è un senso civico

#IORESTOACASA

In questo periodo cosi delicato per tutta l'Italia, mi sento vivamente di consigliare a tutte le persone di applicare con molta accortezza le indicazioni, ormai legge, che derivano dal Ministero. 

Ieri il mio risveglio, come quello di molti italiani è avvenuto in modo violento e scioccante. Assistere a parchi, spiagge, ristornati, treni affolati ; toccare con mano il panico da un lato e l'incoscienza dall'altro , mi ha fatto capire che purtroppo c'è una cattiva informazione. 

E' vero il  giornalismo italiano non ha superato la prova, le informazioni erano contraddittorie l'una con l'altra generando ancora più confusione. Un giorno era possibile uscire, il giorno dopo la condanna a chi è uscito il giorno prima.

Il problema di questo virus non è nel suo tasso di mortalità, ma nella grande diffusione di contagio. Purtroppo a farne le spese sono i soggetti deboli o debilitati. Inoltre, dobbiamo dire che i posti in rianimazione sono limitati e quindi non c'è un postoletto per tutti. Dobbiamo anche affermare con forza e chiarezza che in Italia non tutte le zone hanno la possibilità di avere ospedali con la rianimazione. 

Stare a casa non è un dramma, cerchiamo di trovare la positività anche in un momento cosi difficile per tutti noi. Uscire in questo momento per una cena, un caffè o per farsi una foto da fighi è da veri incoscienti . Non trovo nulla di figo nel mettere a rischio la propria vita e quella dei propri cari, nonchè anche la vita degli altri. 

Credo che sia assurdo vivere un periodo di restizione all'interno delle proprie abitazioni come la cosa più frustrante del mondo; in realtà dovete cambiare la vostra visione delle cose. 

Restare  a casa in questo momento è l'unica cosa efficace per arginare ed eliminare il virus, solo cosi la situazione ritornerà presto alla normalità. 

Le attività da svolgere a casa sono davvero tante. 

Per gli adulti: 

-Dormire più del solito, 

-Sistemare la casa, armadi, scaffali. 

-Ascoltare della buona musica, 

-Leggere un libro,

-Cucinare un piatto tipico della vostra zona, 

-Fare delle videochiamate con parenti e amici che non sentite da tanto,

-Riprendere una passione che avete trascurato nell'ultimo periodo, 

-Dedicarsi a sè stessi, con maschere e trattamenti vari,

-Guardare una serie tv, 

-Fare pulizia nel proprio pc o cellulare, 

-Fare shopping online, 

-Guardare un vecchio album di fotografie, 

-Dialogate molto di più con i vostri partner e figli,

- Create dei momenti di aggregazione con la vostra famiglia, 

-Fate colazione tutti insieme, con calma e serenità, 

- Prendetevi cura delle vostre piante , che magari avete trascurato. 

Attività da fare con i bambini, che in questo periodo sembra sia la cosa più complicata e difficile da fare. Improvvisamente questi bambini sono diventati degli enormi problemi no perchè non si sa a chi lasciarli, ma perchè cosa li facciamo fare?

Le attività di intrattenimento variano a seconda dell'età dei bambini e i loro interessi . 

Per i bambini piccoli è consigliato: 

-Fategli svolgere le normali attività domestiche come  gioco, ( cioè apparecchiare e sparecchiare, trovare il calzino uguale, fare la polvere, sistemare i propri giochi ecc..) Vi consiglio di leggere il libro UNA GIORNATA MONTESSORI. 

-Fateli collaborare con voi durante la preparazione del pranzo, 

-Preparate con loro delle pizze, dei dolci, 

-Riprendete dei vecchi giochi, 

-Utilizzate i terrazzi per attività all'aperto, 

-Cercate di avvicinarli a nuove passioni, come la pittura oppure il disegno, 

-Permettetegli di sviluppare e sfogare un senso creativo, 

- Assecondate le loro iniziative di gioco, 

- Leggete con loro un libro, 

-Inventate delle favole da dover mimare, 

-Giocate ai travestimenti, o alle imitazioni, 

-Giocate al mimo, 

-Fate dei giochi di squadra es padre/figlia VS madre/figlio, 

-Organizzate delle serate a tema (es la serata dei colori quindi la cena sarà a base di tutti i colori, la tavola sarà colorata e altrettanto i commensali). 

Con i bambini un pò più grandi le attività sono davvero svariate ma principalmente voglio consigliarvi di non tediarli con i compiti. Non fate in modo che le loro giornate siano solo compiti, compiti e ancora compiti. Per questo motivo concordate con il bambino se fare i compiti la mattina o il pomeriggio e mi raccomando non più di un'oretta. I bambini non devono vivere la costrinzione a casa come incubo da compiti. Sono a conoscenza che molte scuole hanno obbligato ai genitori di continuare il programma, prendete queste indicazioni con le pinze perchè questa situazione è difficile per noi grandi pensiamo per i bambini. 

Fate in modo che i bambini gestiscano il loro tempo nel migliore dei modi. Coinvolgeteli nelle attività di condivisione e cooperazione. Non abbiate paura della noia , perchè è attraverso la noia che si sviluppa la creatività. Limitate l'uso di tablet e videogiochi e approfittate del tempo per realizzare lavoretti semplici, ma divertenti.

Insomma restare a casa si può! Ci si può divertire stando a casa. La nostra casa non è un nostro nemico.

#iorestoacasa

Dott.ssa Antonella Manfredi